EN

La stagione 2020 dell’Autodromo del Mugello si apre nel segno del podismo con l’8^ Mugello GP Run, in programma domenica 19 gennaio. Curve leggendarie come l'Arrabbiata e la San Donato vedranno protagonista, al posto dei motori, l'entusiasmo dei runner e la possibilità di correre in una location unica e affascinante. Due giri di pista per la competitiva, uno per la camminata in relax aperta a tutti. Per tutti SmanApp, l'applicazione che accompagnerà la
gara, disponibile gratuitamente sui dispositivi Android e Apple. Le iscrizioni online (https://www.mugellogprun.it/come-e-dove ) sono aperte fino a martedì 14: dopo tale data ci si potrà iscrivere direttamente in autodromo dove dalle 15 di sabato 18 sarà aperta l’ Expo GP Run con ritiro pettorali e pacchi gara (anche domenica dalle 8 alle 10.30). Sempre domenica 19 per i bambini presso il box AVIS, apertura iscrizioni della gara “Mugellino Kids” che da quest'anno sarà disputata in pista con arrivo sotto il traguardo – così come la gara competitiva - al costo di  2€. Alle 9.30 la partenza delle varie categorie bambini “Mugellino Kids” con successive premiazioni. Dalle 9.30 alle 10.30 riscaldamento e animazione davanti ai box con Fulvio Massini. La partenza della Mugello GP Run alle 11, le premiazioni dalle 12 sul podio della MotoGP. Fino alle 1530 sarà possibile visitare Mugello Circuit (sala stampa, parco interno ecc.). Ingresso libero.

Come ogni anno si rinnova l’appuntamento con la classica Endurance di fine stagione chiamata a chiudere l’annata di gare con un weekend, il 2 e 3 novembre, ricco di spettacolo. Classifiche a parte non mancherà il divertimento e la voglia di confrontarsi in una gara lunga, dove sarà fondamentale anche il lavoro dei box e dunque di tutta la squadra. Al via oltre alla  Endurance Gp categoria sempre aperta a 600 e 1000 che si corre sulla distanza di 23 giri, la stessa distanza della MotoGp. Nata nel 2015 ha subito trovato il riscontro dei piloti che possono correre da soli, oppure in coppia: obbligatorio effettuare almeno una sosta, dunque importante anche in questa gara fare tesoro della costanza di rendimento e tattica.  Previstta anche la gara CRV Piemonte
Per info e iscrizioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Si è conclusa un’edizione record per le Finali Mondiali Ferrari, che nel corso dei quattro giorni dell’evento hanno visto oltre 43.000 persone gremire gli spalti dell’Autodromo del Mugello, con il picco di 28000 la domenica. La componente agonistica della giornata conclusiva è vissuta attorno alle Finali Mondiali che hanno decretato i campioni mondiali del monomarca, mentre quella spettacolare, il tradizionale Show Ferrari, ha avuto come protagoniste le 488 GTE, per celebrare 70 anni di vittorie Ferrari a Le Mans, e le F60, in omaggio ai 90 anni della Scuderia Ferrari. l programma di gara si è susseguito secondo un ritmo incalzante che ha decretato i campioni delle quattro classi. Adam Carroll (Ferrari Budapest) si è imposto nel Trofeo Pirelli al termine di una gara vibrante e spettacolare, precedendo sul traguardo di soli 421 millesimi Bjorn Grossmann (Octane 126) e Niccolò Schirò (Rossocorsa).
Emanuele Maria Tabacchi (Rossocorsa) ha suggellato nel migliore dei modi la stagione di debutto nel monomarca del Cavallino conquistando il Trofeo Pirelli Am, dopo una formidabile rimonta a cui era stato costretto da un contatto. La Coppa Shell trova il suo giusto campione mondiale in James Weiland: l’americano di Rossocorsa è infatti l’unico pilota a gareggiare in tutte e tre le serie internazionali del Challenge. Ingvar Mattsson (Scuderia Autoropa), dopo il successo in volata nella Coppa Shell Am, si conferma campione del mondo della classe, bissando il titolo conquistato nel 2018.
Attività in pista e nel paddock. Anche nella giornata di domenica sono proseguite le attività di F1 Clienti e dei Programmi XX, affiancate nel pomeriggio dalle prime tornate delle vetture di Club Competizioni GT. Nel paddock, affollato di tifosi del Cavallino Rampante, nell’area espositiva dedicata ai 70 anni dalla prima vittoria alla 24 ore di Le Mans e ai 90 anni della Scuderia Ferrari, era possibile ammirare anche le nuovissime Ferrari 488 Challenge Evo e 488 GT3 Evo 2020 presentate nel corso della serata di premiazione di sabato. In questa occasione, è stata anche svelata la sede delle prossime Finali Mondiali, in programma ad Abu Dhabi dal 4 al 7 novembre 2020. 
Ferrari Show. A chiusura di uno spettacolare fine settimana di gare, il Ferrari show ha offerto un omaggio alle recenti vittorie alla 24 ore di Le Mans e nella Petit Le Mans che hanno reso speciale un anno ricco di successi nei campionati GT. L’esibizione si è aperta con la consegna della bandiera italiana, portata dal 1° Reggimento Carabinieri Paracadustisti "Tuscania", ad Enrico Galliera, Chief Marketing and Commercial Officer di Ferrari, per proseguire con la presentazione del trofeo della 24 ore di Le Mans conquistata dall’equipaggio di Calado-Pier Guidi-Serra lo scorso giugno. Al volante delle 488 GTE, James Calado, Daniel Serra, Miguel Molina e Toni Vilander che hanno poi lasciato il palcoscenico alle evoluzioni alla guida della F60 della Scuderia Ferrari con i piloti Giancarlo Fisichella, Andrea Bertolini, Olivier Beretta e Davide Rigon.
Lo show si è concluso con l’emozionante omaggio di due Eurofighter del IV Stormo dell’Aeronautica Militare Italiana di stanza a Grossetto che hanno sorvolato il rettilineo principale compiendo spettacolari evoluzioni.

L'ultima giornata della Finali Mondiali si è conclusa con uno show spettacolare. Le monoposto storiche hanno invaso il rettilineo principale, mentre le F60 hanno deliziato occhi e orecchie del pubblico in pista. La grande festa Ferrari delle Finali Mondiali si è conclusa quest’oggi al Mugello con la splendida parata delle vetture, F1 e Gt, della Casa di Maranello. Per la parte squisitamente sportiva Carroll vince nel Trofeo Pirelli e Tabacchi nel Trofeo Pirelli Am. E’ James Weiland il Campione del Mondo Ferrari nella Coppa Shell. Grandissima la partecipazione con 43.000 presenze nei quattro giorni di svolgimento della manifestazione

 

 

Per la decima volta nella sua storia, sarà il Mugello, lo splendido tracciato toscano di proprietà del Cavallino Rampante, ad essere il teatro di uno dei fine settimana più attesi dagli appassionati della Casa di Maranello e dei motori. Parliamo della Finali Mondiali Ferrari, nate proprio al Mugello nel 1993. Accedere al prato e al paddock, sabato e domenica, sarà gratuito: ecco il link : https://mugellocircuit.com/it/finali-ferrari

09.00

10.50

 

Ferrari Challenge

NA & APAC

Test 1

110’

 

11.00

11.30

 

Corse Clienti

 

Shakedown

30’

11.40

13.30

 

Ferrari Challenge

Europe

Test

110’

14.30

16.20

 

Ferrari Challenge

NA & APAC

Test 2

110’

16.30

17.00

 

Corse Clienti

 

Shakedown

30’

I paesaggi delle colline toscane, l'inconfondibile skyline dell'Appennino, il tracciato inconfondibile del Mugello. Sarà qui dove si dipingeranno le traiettorie in pista, ma sopratutto dove si disegneranno le emozioni delle Finali Mondiali Ferrari 2019.
Per partecipare sabato 26 e domenica 27, con accesso libero nel prato e nel paddock, la registrazione (gratuita) è obbligatoria : https://mugellocircuit.com/it/finali-ferrari
Per assistere, invece, alle attività previste dall'orario (allegato) da martedì 22 a venerdì 25, ingresso libero con esclusivo accesso al prato, ( entrata Palagio)

 

Domenica 27 , oltre alle Finali Mondiali del Challenge, sui 5.245 metri dell’autodromo di Scarperia, andrà in scena il tradizionale Ferrari Show con la Scuderia Ferrari di Formula 1 con le monoposto impegnate in un’esibizione che emozionerà il pubblico sugli spalti. Se non bastasse, gli appassionati potranno anche ammirare le vetture di Competizioni GT come la 488 GTE, recente trionfatrice della 24 Ore di Le Mans, e la 488 GT3 che rappresentano un punto di riferimento nel panorama delle competizioni a ruote coperte. Oltre ai vincitori della 24 Ore di Le Mans, Daniel Serra, Alessandro Pier Guidi e James Calado, saranno presenti anche i piloti ufficiali di Competizioni GT, impegnati con successo nei principali campionati GT del mondo