IT

Scarperia, 1 aprile 2022. L’appuntamento con le auto più belle della storia dell’Automobile dagli Anni 50 al 2000, che vede oltre 300 vetture iconiche sfidarsi sui 5,245 chilometri del tracciato del Mugello, vedranno l’utilizzo per la prima volta del nuovissimo sistema di segnalazione attraverso bandiere led per le principali comunicazioni tra la Direzione Gara ed i piloti in pista.

L’introduzione di 20 pannelli elettronici permanenti a led, che godono del massimo grado di omologazione di FIA (Federazioni Internazionale dell’Automobile) e FIM (Federazione Motociclistica Internazionale), rappresenta un ulteriore passo avanti del già altissimo livello di sicurezza degli standard dell’Autodromo Internazionale del Mugello.

 

 

Il nuovo sistema di segnalazione consentirà al Direttore di Gara di dialogare con i piloti in pista in maniera ancora più diretta, efficiente ed immediata, oltre ad offrire ai piloti una maggiore visibilità delle segnalazioni anche in caso di avverse condizioni meteo.

Questo avanzatissimo sistema di segnalazione supporta e rende più efficace l’operato dei Commissari di Percorso in pista, che ricoprono così un ruolo sempre più centrale nella gestione in sicurezza delle manifestazioni motoristiche.

Oltre alle gare internazionali, come il Mugello Classic di questo fine settimana, le bandiere luminose verranno utilizzate anche per l’attività quotidiane del circuito, ad ulteriore conferma della attenzione del management dell’Autodromo del Mugello per la sicurezza dei suoi frequentatori.

 

Il nuovo sistema di segnalazione luminosa in pillole

20 bandiere e un tabellone luminoso sulla linea del traguardo

15 le curve del Mugello Circuit

15 km di fibra ottica   

1 bandiera luminosa ogni 500 metri di pista

1 pannello controllo presente nella Race Control per il comando di tutte le bandiere

300 Commissari di Percorso nel fine settimana di gara del Mugello Classic 

Al verde scatta bene Fumanelli (Kessel Racing) che si porta secondo davanti alla Mercedes di Herberger con Wittmer in testa con la M4. Fumanelli come un francobollo sugli scarichi della M4, Gachet su Audi passa Espenlaub alla Materassi. Il pilota della Kessel Racing spinge per sdoppiarsi e recuperare i due giri insieme ai suoi compagni L.M.D.V. Frezza, Tallarico e Cutrera. La M4 di Wittmer rientra per il rifornimento dopo due giri come la BMW M2 di Bock che cambia gli pneumatici. Testa coda di David Gostner che rientra in pista senza danni, mentre la leadership è in mano alla Mercedes di Konrad. Dopo 166 giri sono quattro i piloti a pieni giri, in testa la M4 GT3 di Wittmer, a seguire con quindici secondi di distacco su Pierre Kaffer che guadagna sette decimi su Espenlaub. Al 172°, OUT la Ligier di Lavergne alla Bucine. Code 60 e strategie ancora in ballo con il leader Wittmer che rientra.

Al 175° duello tutto Mercedes con  Hrachowina che si difende dagli attacchi di Espenlaub che poi forza e passa secondo. Al 177° la Ligier di Lavergne recupera la pista, entrando ai box per un check e sale Jérôme Dacosta. Problemi per la BMW M6 di Vliet in corsia box, viene spinto dai commissari e dai meccanici dopo al box. Problemi dopo un contatto sul posteriore destro della R8 di Navickas, sosta ai box con i meccanici che cercano di rimediare al danno. Dopo 198 passaggi troviamo Wittmer sempre in testa con Hrachowina che prova a tenere il passo del leader che a sua volta gira sul passo dell’ 1’50”. Kristoffersson cerca di rientrare per un problema alla posteriore destra, fortunatamente succede alla Bucine, entra a fare rifornimento e poi box. 209° passaggio con Wittmer che continua a volare, sempre sul passo dell’ 1’50” e un discreto vantaggio sulla Mercedes di Putman, terzo Kaffer.

Nella TCE Sathienthirakul è diciannovesimo assoluto, davanti a Vallers (24°) e Rammo (25°). A meno di tre ore dalla fine la lotta per la vittoria finale rimane accesa come al primo giro, velocissima la M4 GT3 di ST Racing, con l’americano Morris al volante che mantiene un vantaggio che Konrad sta cercando di colmare. Al giro 260, i primi quattro entrano contemporaneamente per il rifornimento, in testa a lla classifica Morris davanti a Konrad, Erhart e Foster. Mancano settanta minuti alla fine di questa entusiasmante edizione 2022, Morris lascia il volante a Wittmer, pit stop per MANN-FILTER Team LANDGRAF. Ultima parte di gara delicata, con le vetture che hanno marciato a lungo ai massimi regimi. Splendide le prestazioni della M4 GT3 ma la vittoria finale sarà certa solo sotto la bandiera a scacchi. Giro 306, continua la leadership della M4 GT3 con Wittmer al volante, seconda posizione per Pierre Kaffer con la R8 di  Phoenix Racing ad un giro di distacco. Ottima prestazione per Giorgio Sernagiotto, il vincitore della 12H di Sebring è sesto assoluto e terzo di GT3 AM.

Sathienthirak e la sua Leon Competicion mantengono saldamente la leadership in TCE con ampio margine sulla Golf di Stasionis. Impatto contro le barriere per Jablonskis con la R8 in uscita alla Borgo San Lorenzo e gara finita. Negli ultimi quindici minuti si infiamma la lotta, Kaffer e la sua Audi attaccano la Mercedes di Konrad e salgono in seconda posizione. Colpo di scene a sette minuti dalla fine con la Ferrari di Cutrera in sabbia in uscita dalla Poggio secco e scatta il Code 60. I Marshall rimettono la 488 in pista e la gara riparte per gli ultimi 100 secondi. Splendida vittoria con l’ultimo giro in relax, Wittmer taglia il traguardo portando a compimento una splendida performance, insieme a Samantha Tan e Bryson Morris. Seconda posizione per Pierre Kaffer, Michael Doppelmayr, Elia Erhart e Swen Herberger. Terza la Mercedes di Bernd Schneider, Alexander Hrachowina e Martin Konrad. In TCE confermate le posizioni con la vittoria di Chariya Nuya

Kantadhee Kusiri, Kantasak Kusiri e Tanart Sathienthirakul con la Leon Competicion del team BBR davanti alla Golf di Kestutis Stasionis, Sten-Dorian Piirimägi,Jonas Karklys e Antti Rammo del Noker Racing Team, terza l’Audi di Jasmin Preisig, Marcus Menden e Ivars Vallers. Per i colori italiani, terzo posto della Mercedes di MP Racing di Thomas, David, Corinna Gostner e Giorgio Sernagiotto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giallo sulla R8 di Kaffer per un principio d’incendio in griglia prima dello start.

Partenza con il brivido per l’Edizione 2022 della 12H del Mugello. Nel momento dello schieramento, della R8 del Poleman Kaffer, un principio di incendio si è sviluppato all’altezza della posteriore destra. Nulla di grave, i meccanici hanno subito domato le fiamme, controllato la vettura che prontamente ha preso il via della gara. Allo scattare del verde parte bene Kaffer ma Wittmer con la M4 prende la testa della gara, Frezza con la 488 di Kessel si mette negli scarichi di Konrad. Alla chiusura del primo giro Wittmer in testa davanti a Kaffer, Renauer, Konrad e Frezza. In TCE, Ellis e la sua Cayman sono i primi di classe, più staccati gli avversari. Nel guidato Frezza si fa sotto a Konrad, ma il BOP penalizza la Ferrari come velocità di punta. 

Dopo dieci passaggi il distacco tra il leader Wittmer e Kaffer, con il tedesco che prende il ritmo e mantiene i tempi costanti. Passaggio in corsia per Robert Renauer che poi riprende la strada della pista. Al 12° Kaffer rompe gli indugi e si riprende la leadership. Herber e la sua Bentley guadagnano la sesta posizione sorpassando la R8 di Adomavičius. 

Dopo 15 passaggi scende in pista la bandiera CODE 60 per l’uscita di una Vortex, occasione ghiotta per i primi rifornimenti e cambi di strategie. Le due Porsche di Ebimotors con Venerosi e Negra fanno benzina come Konrad, Frezza e Wittmer. Sono passati appena trenta minuti e lo spettacolo non manca. Al giro 22 ancora un Code 60 per l’uscita della R8 di Grimm che si è toccata con una delle M2 della Hofor Racing. Entrambe vengono “tirate” fuori dalla sabbia e recuperano la via dei box per le riparazioni del caso. 

Al giro 30 e 4’22” dalla fine, Frezza con la Ferrari di Kessel è in testa davanti alla Mercedes di Konrad la Porsche di Harker. Nella TCE leadership a Dorian Piirimäg e la sua Golf GTI TCR Seq, davanti a Valluga e Nuya, rispettivamente con la Cayman e la Leon. Code 60 al 39° passaggio per l’uscita in sabbia della Porsche di Jean-François Demorge. 

Ellis al 44° fora la posteriore sinistra della sua Cayman, rientra per il rifornimento. Rimane in testa alla classifica la Porsche di Harker con Konrad secondo davanti a Herber. Peccato per la gara della R8 di Kaffer che sta recuperando dalla decima posizione con Erhart al volante. Sabino De Castro 14° assoluto, spinge con la sua 911 GT3 Cup della Willi Motorsport by Ebimotors. Allo scattare del 50° giro va in sabbia la Bentley di Herber, mentre la Mercedes di Hrachowina svetta dall’alto della leadership. Prosegue la gara tra rifornimenti, cambi gomme e Code 60, al 60° Hrachowina sempre in testa davanti all’americano Putman, sempre su Mercedes e il canadese Morris con la M4 GT3. In TCE Sathienthirak e la sua Leon comandano la classifica riservata con Mortensen secondo su Golf e Vallers su Audi. 

Esce in sabbia alla Palagio la R8 con Kirchoff al volante, riparte grazie all’aiuto dei Marshall. Contatto al 68° tra la Ligier di Da Costa e la Porsche di Bohn che rientra per il rifornimento. Morris con la M4 GT3 di ST Racing tiene la testa della classifica e la R8 di Herberger si accoda in seconda posizione, cercando di completare l’operazione “recupero”, vola Schneider con la Mercedes del Mann-Filter Team Landgraf. All’ ottantasettesimo Code 60 per l’uscita di pista della Porsche di Broggi alla Bucine, mentre Van Berlo sconta una penalità con la Bentley. 

A due ore dalla fine, la 955 di Broggi esce sulla ghiaia, innescando un Code 60 che dura tredici minuti e riequilibra la corsa. Dopo 98 giri Samantha Tan con la sua BMW M4 GT3 sembra aver consolidato la prima posizione, grazie anche a un miglior tempo di 1:50.166. 

Si innesca poi un nuovo Code 60 con annesse bandiere gialle che vede coinvolte due vetture ma che si risolve in breve tempo. 

La gara procede senza grossi colpi di scena: al comando Tan sembra inarrestabile, Konrad ed Erhart seguono a ruota mentre si accende un piccolo duello tra Foster e Adomavičius per il controllo della quarta posizione, vinto da quest’ultimo. 

A soli sessanta minuti dalla fine, la R8 LMS GT3 EVO I di Navickas rischia di finire fuori pista, ma una scaltra manovra del pilota permette di evitare il peggio. Cambio al vertice a circa un’ora dalla fine: Tan si ferma ai box per il cambio con il compagno Wittmer che rientra in pista sesto, lasciando quindi campo alle GT3 di Konrad, Erhart e Adomavičius per occupare le prime tre posizioni. Seguono Foster con la sua Mercedes AMG GT3 e Frezza sulla Ferrari 488 GT3, rispettivamente quarto e quinto. Tuttavia, questo susseguirsi di piloti al volante non impedisce al team ST Racing di riportarsi in testa alla classifica a dodici minuti dalla fine e dopo 141 giri di pista. Cambiano i nomi sul tabellino, che si aggiorna quindi con Hrachowina al secondo posto, Herberger al terzo e Gelžinis al quarto. Da segnalare Giorgio Sernagiotto con il team MP Racing che, sulla Audi R8 LMS GT3 EVO II si piazza settimo.

Prima parte di corsa che si chiude con Wittmer (ST Racing) in testa, seguito da Hrachowina (MANN-FILTER Team LANDGRAF) e Herberger (Phoenix Racing): un podio tutto GT3. Come da tradizione le vetture rimangono schierate in griglia che in questo caso diventa parco chiuso. 

Dopo la “cerimonia” di riscaldamento della domenica mattina, la gara si prepara per la seconda parte da sei ore e mezza. Le sorprese non sono ovviamente mancate, prima del via la vettura #34 della Car Collection si ferma hai box con un evidente “spiattellamento”.

 

Q1 12H Mugello TC, TCX, TCR, GT4

Giornata con temperature primaverili e nessun problema per i piloti a scaldare gli pneumatici Hankook. Passa in Pole Catesby con 2’01”209 a bordo della BMW M4 GT4, dietro a mezzo secondo l’Audi TCR di Menden, leader di classe TCR. Nei giri seguenti si migliora l’americano Catesby riducendo il tempo a 2’00”434. La vera sorpresa fino ad ora è la velocità delle TCR: Sathienthirakul si porta in testa con la Leon Competition in 1’59”294. In classe TCX svetta il francese Lavergne con la Liger JS2R. 

La classifica rimane invariata sotto la bandiera a scacchi. 

 

Q2 12H Mugello TC, TCX, TCR, GT4

Nel secondo giro di qualifica, il primo crono è per lo svizzero Mottet con la 718 Cayman GT4 e un tempo di 2’01”553. 

Si scatenano poi le TCR, grazie a Mortensen con la Golf TCR DSG dell’Holmgaard Motorsport che passa in testa davanti a Spinoy con la BMW M4 GT4. Rammo abbassa il limite a 1’59”759 con la Leon Competition. Kusiri scava un solco con 1’57”294 a bordo della Leon del Team BBR. Recupera Mortensen salendo in seconda posizione mentre Mottet si laurea leader in GT4, TCX a Lemma con la Ligier JS2R del Team SK Racing.

 

Q3 12H Mugello TC, TCX, TCR, GT4

Terza qualifica con Leclerc e la sua Audi TCR in testa a 1’58”793. Subito cambio al vertice, dove Kusiri e la sua Cupra siglano 1’58”123 davanti a Dorian Piirimägi e la sua Golf TCR SEQ: i due sono gli unici sotto il muro dei due minuti. Nei giri successivi si migliora Kusiri con 1’57”478 proprio sotto la bandiera a scacchi. In GT4 Leclerc si posiziona davanti a Jones.

 

Q1 12H Mugello GT3, GTX, 991, 992

Si parte con le vetture più performanti, da notare le numerose 992 e Mercedes AMG GT3. Scatta subito la battaglia con le trenta macchine tutte in pista, sul lungo rettilineo del Mugello potrebbero essere avvantaggiate le Mercedes. Buone sensazioni di Marco Frezza con la 488 GT3 della Kessel Racing. Alexander Hrachowina va in testa con la Mercedes e il tempo di 1’50”035, davanti alla R8 di Helberger e alla Porsche 911 GT3 R della Herberth Motorsport. Classifica che cambia giro dopo giro: Herberger passa primo con 1’49”041 davanti alla BMW M4 GT3 della canadese Samantha Tan, terza la Mercedes di Hrachowina. Sesto Thomas Gostner con la Mercedes della MP Racing, dietro alla Bentley di Herber. Miglior tempo a Herbergher davanti alla Tan e Bohn. Bergström si aggiudica la 992 e la 991 va a Broggi.

 

Q2 12H Mugello GT3, GTX, 991, 992

Qualifiche tirate con solo cinque minuti di pausa, primo crono a Frezza con la 488 GT3 di Kessel, Schneider passa secondo e Erhart va in testa con la R8 a 1’49”709. Il canadese Morris porta la M4 GT3 in seconda posizione, ma viene scavalcato da Schneider con la Mercedes e il tempo di 1’48”056. Veiby sesto assoluto con la 992, ma scivola dietro con le GT3 che sopravanzano. Erhart si piazza in testa davanti a Morris e Alfred Renauer con la Porsche. Buona prestazione della Bentley con Herber in quarta posizione.

 

Q3 12H Mugello GT3, GTX, 991, 992

Kaffer e la sua R8 volano nei primi settori con parziali da record e piazzano l’1’47”782 davanti a Fumanelli con la 488 GT3 di Kessel, terzo Payne con la Porsche 911 GT3 R, scavalcato poi da Robert Renauer. Konrad sorpassa Fumanelli con la Mercedes e il tempo di 1’49”841, ma Wittmer e la M4 GT3 fanno meglio in 1’48”595. Nessun sobbalzo sotto la bandiera a scacchi, domani alle 13.00 bandiera verde per la prima parte di gara. Michael Doppelmayr, Pierre Kaffer, Elia Erhart, Swen Herberger, partiranno dalla Pole con la loro R8 LMS GT3 EVO2 davanti a Samantha Tan, Bryson Morris, Nick Wittmer con la M4 GT3 e Alexander Hrachowina, Martin Konrad, Bernd Schneider su Mercedes AMG GT3 EVO.

Il circuito toscano del Mugello ospita l’edizione 2022 della 12H, all’interno della 24H series by Creventic. Da qui parte la caccia al titolo europeo che si sviluppa su cinque appuntamenti, dopo il Mugello la serie si sposterà a SPA nel weekend del 22-24 aprile, per poi approdare a Hockenheim il 13-15 maggio. A luglio ci sarà la 24H di Portimao (8-10 luglio) e la classica conclusione in quel di Barcellona con la seconda 24H della stagione il 9-11 settembre. Nella prima sessione di prove libere, tre Mercedes davanti a tutti, il più veloce è stato l’equipaggio del Mann-Filter Team Landgraf che vede nell’equipaggio Bernd Schneider, sei volte campione nel DTM. In pista anche una nuova BMW M4 GT3 per ST Racing, la M6 GT3 di JR Motorsport, numerose Porsche 911 GT3 Cup (992). Confermata come sempre la presenza delle Porsche di Herbert Motorsport con Alfred e Robert Renauer affiancati dallo svizzero Daniel Alleman e Ralf Bohn. Equipaggio tutto italiano con la famiglia Gostner, Thomas, Corinna, David e Manuela a bordo della Mercedes AMG GT3 Evo 2020. In pista anche Matteo Malucelli con Jiri Pisarik e Josef Kral con la Ferrari 488 GT3 di Bohemia Energy Racing con Scuderia Praha. Presente anche la Kessel Racing con L.M.D.V. Marco Frezza David Fumanelli, Alessandro Cutrera e Marco Talarico. Presente Tom Onslow Cole, già campione del GT Open e 24H series, come sempre insieme al Team RAM Racing, affiancato da Adam Christodoulou e Paul White con la Mercedes SLS AMG GT3. Altro equipaggio tutto “made” in Italy per Ebimotors con la Porsche 991 GT3 Cup per Venerosi-Giorgi-Piccioli-Spezz. Al via anche Sabino De Castro, già campione Italiano GT Cup, con la Porsche di Willi Motorsport by Ebimotors. Oggi a partire dalle 17.15, qualifiche in due format da quaranta minuti divise in classi. Sabato si parte con la prima parte di gara con cinque ore e mezza, mentre domenica la seconda parte di sei ore e mezza a partire dalle ore 09.00.

Un tracciato mozzafiato per la tappa che apre un anno ricco di novità: FX Pro Series, FX2 e ATCC in pista nell’ambito dell’evento internazionale Hankook 12H Mugello.

I motori della Formula X Italian Series sono pronti a riaccendersi, in occasione dell’appuntamento in programma dal 25 al 27 marzo al Mugello Circuit che apre una stagione pronta a regalare nuove emozioni. Dopo il crescente successo fatto registrare nel corso delle precedenti edizioni, la serie organizzata da Luca Panizzi torna sul nostro splendido tracciato in occasione dell’evento internazionale che ospiterà anche la tappa italiana della 24H Series. Il modo sicuramente migliore per inaugurare un’annata che vedrà gli appuntamenti del Formula X Racing Weekend andare in scena sui principali autodromi italiani, accompagnati da tante novità e dal consueto spettacolo dentro e fuori la pista.

Il primo round stagionale vedrà in pista solo un “assaggio” del ricco parterre di categorie che andranno a caratterizzare la nuova avventura targata FX: a sfidarsi sui saliscendi dell’autodromo toscano, infatti, ci saranno i protagonisti dell’inedita FX Pro Series, il nuovo campionato che ospiterà le monoposto Tatuus T014 e godrà del supporto tecnico da parte di Tatuus e Autotecnica. Grande attesa anche per il debutto stagionale della spettacolare FX2, per la prima volta al via con un proprio schieramento esclusivo e la rinnovata sfida per Trofei FX2000 e FX Light. Non mancherà ovviamente lo spazio per le ruote coperte, con ben due griglie dedicate al rinnovato campionato ATCC: una ospiterà le potenti vetture di 1° e 2° Divisione/GT, mentre l’altra vedrà al via i concorrenti dell’accesissima 3° Divisione.

 

FX PRO SERIES. Numerosi e agguerriti i protagonisti al via del round inaugurale della stagione: nella FX Pro Series a presentarsi ai nastri di partenza il giovane Andrea Bodellini (Eureka Competition), campione in carica FX3 e pronto a confermarsi protagonista dopo il “salto” di categoria. A sfidarlo nella categoria ‘Pro’ altri talenti rampanti come Tommaso Lovati (Lema Racing) e il duo Corbetta Racing, formato da Jenni Sonzogni e Simone Saglio. Ambizioni di successo anche per l’esperto Salvatore Liotti (G_Motorsport), reduce dalla conquista del campionato FX2, senza dimenticare Andrea Raiconi (Mondiale Racing) e la coppia Manuel Palamenghi-Elia Galvanin del Dexters Motorsport. Nella classe ‘Am’ occhi puntati sugli affidabili Saul Gorlato (G_Motorsport) e Roberto Arné (Enro Competition SG Motor), al pari di Alberto Zanatta (Team Zanatta), Lorenzo Capecchi (Emotion Motorsport), Silvano Rangheri (Team Rangheri) e il duo Lema Racing composto da Alessandro Fabbri e dallo sloveno Jaka Marinsek.

 

FX2 SERIES. Si preannuncia una battaglia incerta ed equilibrata nella rinnovata FX2: con le performanti Formula Renault del Trofeo FX2000. Saranno della partita Valentino Carofano (Team Carofano), Giancarlo De Virgilis (Alpha Team Racing), Stefano Pezzoni ed il campione 2020 Laurence Balestrini (Viola Formula Racing). Tra i protagonisti al via nella classe FX Light troviamo il duo G_Motorsport formato da Riccardo Stocchi (2° classificato lo scorso anno) e dal rientrante Francesco Galli; il Predator’s Factory Team schiera invece Corrado Cusi, Paolo Marcon, Mauro Valentini, Fernando Petrilli, Gabriele Bini e Nazareno Compagnoni, mentre a completare il gruppo ci saranno Robert Buonomo, Giuliano Lolli, Andrea Masci e Renato Bicciato.

 

ATCC ITALY. Altrettanto ricco il parterre al via del campionato ATCC, con oltre trenta iscritti pronti a sfidarsi nei due schieramenti. Nel confronto tra i piloti di Prima e Seconda Divisione/GT, si candidano ad un ruolo da protagonisti nella classe A il campione uscente Denis Babuin, affiancato da Mauro Trentin e Angelo Giannelli con i colori Bolza Corse. Pronti a lottare nelle posizioni di vertice anche Giacomo Ghermandi (Lema Racing) e Massimo Arduini (Meteco Corse), con quest’ultimo team che schiera anche il duo Bodega-Ferri. Da non sottovalutare nemmeno le ambizioni di Enrico Battaglia, Fausto Flavi, Giovanni Tagliente, Enrico Riccardi e Stefano Quercioli. Nella classe B occhio a Francesco Palmisano e Stefano Fusilli, mentre nella GTM sono pronti a dare battaglia il duo Marchesini-Barozzi e Paolo Frullini. Nella classe GT National Series si ripresenta l’esperto Pierluigi Nebuloni (Posche Cayman), con Corrado Cusi invece pronto a sorprendere al volante dell’avveniristica Spice-X nella GT Light. Lo schieramento della Terza Divisione, prevalentemente riservato agli esponenti della classe RS Trophy, promette un acceso confronto tra il veneto Silvano Bolzoni, lo sloveno Miha Primozic ed i veterani Gianpiero Fornara e Gianfranco Billo. Da tenere d’occhio anche il trio della PC Motorsport, formato da Stefano Fantesini insieme ad Andrea e Maurizio Fumi, così come la coppia “in famiglia” della Bolza Corse composta da Ivan e Pietro Fabris, al pari delle new-entry Fabio Marcelloni e Claudio Grispino.

 

CALENDARIO E PARTNERSHIP. Quello in programma al Mugello sarà soltanto il primo di una lunga serie di appuntamenti che andranno a caratterizzare l’annata agonistica di un campionato che ha saputo affermarsi come realtà emergente nell’ambito del motorsport italiano. Reduce da un 2021 che ha visto FX Racing Weekend confermarsi come serie in assoluto più seguita sui Social e con il maggior numero di partecipanti, la stagione ormai alle porte vedrà i protagonisti del campionato sfidarsi su tracciati del calibro di Monza, Vallelunga e Misano, con la conferma delle tappe di Varano de’ Melegari, Modena e Magione, alle quali andrà ad aggiungersi l’assoluta novità rappresentata da Grobnik (Croazia). Il tutto nell’ambito di eventi pressoché interamente organizzati da Formula X e che godranno di un’esposizione mediatica di grande rilievo, impreziosita dalle dirette televisive delle gare sui canali Mediasport Group e in live streaming sui Social del campionato. Non mancheranno inoltre le partnership d’eccezione, costituite da Hankook nel ruolo di fornitore ufficiale di pneumatici e da quelle con LiveGP.it [11] e Hey DJ Radio per quanto concerne l’aspetto legato alla comunicazione.

 

GLI ORARI DEL WEEKEND. L’azione in pista entrerà nel vivo già a partire da Venerdì 25 Marzo, con la mattinata dedicata alle prove libere ed il pomeriggio alle sessioni di qualifica. La giornata si concluderà con la prima gara del week-end, ovvero quella riservata alla FX2, che scatterà alle ore 16:45. L’indomani andranno in scena le altre Race-1: ad aprire le danze sarà alle 9:00 la Terza Divisione ATCC, alla quale seguiranno FX2 (ore 10:20), FX Pro Series (ore 11:00) e 1°/2° Divisione ATCC (ore 11:40). Dopo lo spazio dedicato alla 24H Series powered by Hankook, i protagonisti FX torneranno in pista domenica 27 marzo per le restanti gare in programma: alle ore 16:10 partirà gara-2 della FX Pro Series, seguita a ruota da ATCC 1°/2° Divisione (ore 16:50) e ATCC 3° Divisione (ore 18:10). Tutte le gare verranno trasmesse in diretta televisiva su MS Motor TV (canale 229 SKY) e in live streaming sui Social del campionato e su LiveGP.it [11]. Luca Panizzi (organizzatore Formula X Racing Weekend): “Siamo davvero felici di inaugurare la stagione 2022 in un contesto di altissimo livello come quello in programma sul circuito del Mugello. Abbiamo lavorato duramente nel corso dell’inverno e i primi risultati sicuramente ci danno ragione, visti gli ottimi riscontri in termini di iscrizioni e interesse generati dai nostri campionati. Sarà un anno molto lungo che non vediamo l’ora di vivere con il consueto carico d’entusiasmo, grazie anche ai nostri partner ed a tutti coloro che, a partire da ACI Sport, credono fermamente nel nostro progetto. Adesso la parola passa alla pista: e siamo sicuri che sarà un grande spettacolo!”

 

Per qualsiasi ulteriore informazione è possibile visitare il sito web www.formulaxitalianseries.it, seguire i canali Social del campionato (Facebook, Instagram e YouTube) oppure scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Benvenuti nel mondo delle corse endurance per macchine GT e Turismo per la gara inaugurale del calendario sportivo 2022 del Circuito del Mugello: più di 50 iscritti, 35 team e 16 diverse nazioni sono pronte a scendere in pista.

La Hankook 12H Mugello è il primo round europeo della stagione 2022 della 24H SERIES, iniziata con la 24H di Dubai a gennaio. Dopo il circuito toscano sono previsti altri quattro appuntamenti nel vecchio continente, Spa-Francorchamps, Hockenheimring, Portimao e Barcellona, al termine dei quali saranno eletti i campioni europei per le classifiche piloti e team.

Allo stesso tempo, i vari piloti competeranno anche nel Campionato dei Continenti, il cui risultato sarà determinato dai punteggi ottenuti alla 24H di Dubai dello scorso gennaio, il miglior risultato di una tra le quattro tappe europee e la gara finale, la Hankook 24H Sebring, in California. Per tutti lobiettivo sarà scalzare i campioni in carica del campionato team 2021: ST Racing per la categoria GT e Autorama Motorsport by Wolf-Power Racing per la categoria TCE.

Una gara, quella al Mugello, che è sempre stata uno spettacolo per il grande pubblico e che ha visto vincere per ben tre volte il team Porsche Herberth Motorsport nel 2015, 2020 e 2021. Anche il team Ferrari Scuderia Praha non è da meno, con due trionfi nel 2017 e 2019; a corollario, il team Ferrari AF Corse e il team Renault V8 Racing, laureatisi campioni della pista rispettivamente nel 2014 e nel 2016.

Format dell’evento
Venerdì 25 marzo, tutti in pista con unora di prove libere per tutte le categorie mentre, dalle 17:15 scatteranno le qualifiche: tre sessioni da dieci minuti per la categoria TCE, seguite da tre sessioni da dieci minuti per la categoria GT. La griglia di partenza sarà determinata dal tempo medio realizzato nelle varie sessioni. Lo stesso pilota non potrà completare tutte e tre le qualifiche per il proprio team.

Riflettori tutti puntati sulla pista sabato 26 marzo dalle ore 13, quando i semafori daranno il via alle prime cinque ore e mezzo della Hankook 12H Mugello che, dopo la pausa notturna, riprenderà domenica 27 marzo alle 9 per le rimanenti 6 ore e mezzo di gara seguendo lordine di arrivo del sabato.

Chi seguire
Occhi puntati sul team Kessel Racing (#8), cliente Ferrari dal 1993 e unica 488 GT3 in pista: team svizzero ma formazione tutta italiana.

Altro sorvegliato speciale è MP Racing (#58), un vero e proprio affare di famiglia che coinvolge il terzetto Thomas Gostner (padre), David Gostner (figlio) e Corinna Gostner (figlia), cui si unisce lo specialista italiano di LMP2 Giorgio Sernagiotto.

Sempre Italia in prima fila con Willi Motorsport (#955), campione in carica della classe 991 che vede una proficua collaborazione romeno-italiana con due terzi dei piloti provenienti dallo stivale. A seguire troviamo Ebimotors (#973 e #974), il quale ha esordito nel 2018 portando a casa tre podi e che disputa al Mugello la gara casalinga.

ST Racing (#1), canadese, team campione in carica 2021 della categoria GT che fa il suo ingresso nella classe GT3 con la nuova BMW M4 GT3. Samantha Tan, co-proprietaria del team, è anchessa in possesso del titolo GT piloti.

Ancora, CP Racing (#85), team statunitense vincitore del titolo piloti nel 2018 con Charles Putnam, Charles Espenlaub e Joe Foster. Wolf Power Racing (#116), detentore di tre campionati team con Autorama Motorsport e alla seconda gara con la nuova Audi RS 3 LMS. Altra squadra da tenere docchio è BoDa by Bas Koeten Racing (#6), che debutta con la Bentley Continental GT3; vale la pena ricordare che Bas Koeten Racing ha fatto il suo ingresso in un evento CREVENTIC ufficiale nel 2006 con la 24H di Dubai.

Infine, BBR (#159), che a gennaio, durante la Hankook 24H di Dubai, ha portato a casa la sua prima vittoria in categoria TCE nella 24H Series.

Classifiche:

https://www.24hseries.com/standings

 

Scarperia, 23 marzo 2022. Scatta oggi la prevendita per il Gran Premio d’Italia Oakley che si disputerà all’Autodromo Internazionale del Mugello il fine settimana del 27-29 maggio prossimo. Disponibile dalle ore 15:00 su www.ticketone.it, la vendita continuerà poi anche nei vari punti vendita. 

Dopo tanta attesa, il Mugello Circuit torna ad aprire le porte al pubblico, grande protagonista insieme ai piloti in pista dello spettacolo unico del Motomondiale sul tracciato toscano.

Fermo restando la chiara volontà del circuito di aprire l’evento al 100 per cento, in questa prima fase saranno in vendita i biglietti tribune, in conformità alle norme vigenti relative allo stato d’emergenza ancora in vigore fino al 31.03.22. Appena il nuovo decreto governativo lo consentirà, come da tradizione, sarà disponibile anche la zona prato con l’eventuale accesso dei camper e la possibilità di pernottare all’interno del circuito. Il desiderio è quello di offrire ai nostri clienti questi servizi, in sicurezza e nel rispetto della normativa, per tornare a respirare l’atmosfera unica del tracciato toscano, famoso in tutto il mondo con lo slogan “Al Mugello non si dorme”.

Biglietti Tribuna

Questi i posti tribuna disponibili: Poltronissima Pit Lane, Silver Pit Lane, Silver Biondetti, Centrale Bronze, Poggiosecco, Materassi, Tribuna 58.

Scontistica

Come da tradizione, il Motomondiale al Mugello è una grande festa anche per i giovani e le famiglie; da qui sconti particolari dedicati alle donne, ai giovani e ai giovanissimi. 

Fino al 17/4/22, la prevendita prevede sconti del 10% sul prezzo finale.

Il Gran Premio d’Italia MotoGP è di casa al Mugello.

La prima edizione fu ospitata addirittura nel 1976 con varie edizioni per poi diventare un appuntamento fisso dal 1994. Le imprese degli italiani da Loris Capirossi, Max Biaggi a Valentino Rossi, Andrea Dovizioso o Danilo Petrucci sul circuito toscano sono ormai nella leggenda del Motociclismo e adesso spazio ai giovani, vincenti in tutte le categorie. 

Il Gran Premio d’Italia Oakley è adrenalina pura. Cinque le gare: MotoGP - Moto2 - Moto3 - Red Bull Rookies Cup e per la prima volta quest’anno anche la Moto E. Un appuntamento da non perdere.