IT

Nel primo fine settimana di gare tricolori, massima sicurezza nel paddock e nei box nel rispetto dei protocolli anti-COVID19. 

E’ il motorsport ad uscire vittorioso dal primo ACI Racing Weekend della stagione 2020, avviata proprio questo fine settimana sul circuito toscano grazie ai grandi sforzi di ACI e di ACI Sport che hanno messo a punto con il Governo normative e protocolli sanitari per contrastare la diffusione della pandemia di Coronavirus. Proprio nel rispetto di queste norme si sono disputate le prime gare della stagione, consentendo allo spettacolo di andare in scena in un contesto di massima sicurezza, e a porte chiuse, ma con tutte le gare in diretta tv e in streaming. Dopo aver dominato le prove ufficiali, l’equipaggio composto da Drudi-Agostini-Mancinelli (Audi R8 LMS) ha conquistato la vittoria nella gara d’esordio del Campionato Italiano Gran Turismo Endurance. I portacolori di Audi Sport Italia sono sempre stati al comando e sotto alla bandiera a scacchi hanno preceduto di appena 26 millesimi la BMW M6 GT3 di Comandini-Zug-Sims (BMW Team Italia) e di 10”99 la Lamborghini Huracan di Galbiati-Venturini-Postiglione (Imperiale Racing). Nella GT4 sono saliti sul gradino più alto del podio Gnemmi-De Castro-Pera (Porsche Cayman-Ebimotors) precedendo la BMW M4 (BMW Team Italia) di Guerra-Riccitelli-Neri e la Mercedes AMG GT4 di Magnoni-Schjerpen (Nova Race). Gara2 del TCR Italy ha offerto grande spettacolo, con confronti ravvicinati in pieno stile turismo. La bandiera a scacchi ha sancito la prima vittoria nel TCR Italy per Damiano Reduzzi, su Hyundai del team Trico WRT, davanti all’argentino Franco Girolami, su Honda del team MM Motorsport, e a Marco Pellegrini, su Hyundai di Target Competition, che grazie al secondo posto di ieri balza al comando della classifica generale davanti a Salvatore Tavano e Reduzzi. Tavano, è stato fermato da un dechappaggio allo pneumatico anteriore destro della sua CUPRAFelice Jelmini ha siglato una rimonta dall’ultima posizione in griglia di partenza, ma è stato penalizzato di 25’’ per un contatto che ha provocato l’uscita di scena di Francesca Raffaele e Simone Pellegrinelli. Nella classifica TCR DSG, vittoria per il diciassettenne Alessandro Giardelli su Cupra, che si è imposto su Matteo Poloni, su Audi, e Carlotta Fedeli, su Volkswagen Golf. Con la vittoria di gara 2 conquistata ancora una volta dalla prima staccata, Lorenzo Pegoraro ha inaugurato la nuova stagione del Campionato Italiano Sport Prototipi con un bis perentorio. Il pilota ternano, alfiere della Best Lap, ha infatti replicato la supremazia espressa già nella gara del sabato e limitandosi a gestire il margine sugli avversari fino alla bandiera a scacchi. Alle spalle del vicecampione 2018, il giovane Antoine Miquel (Ascari Driver Academy) riesce questa volta a capitalizzare il buon passo espresso nel weekend e firma la vittoria per la Coppe Rookie ed Under 25 con tanto di giro più veloce migliore anche della pole position. Federico Scionti (Scuderia Costa Ovest) coglie invece il secondo podio che lo porta in seconda posizione di campionato alle spalle di Pegoraro. E’ del campione in carica Simone Iaquinta la vittoria in gara-2 del round inaugurale della Porsche Carrera Cup Italia. Il portacolori del Ghinzani Arco Motorsport sotto alla bandiera a scacchi ha preceduto Gianmarco Quaresmini (Tsunami RT) che, grazie al secondo gradino del podio in gara-1, sale al comando della classifica provvisoria. Nella Michelin Cup il canadese Mardini (Tsunami RT) ha bissato il successo di gara-1, mentre nella Silver Cup la vittoria è andata a Diego Mercurio (Ghinzani Arco Motorsport). In gara2 del MINI Challenge vittoria di Tobia Zarpellon, che nelle ultime fasi è riuscito ad affondare il sorpasso decisivo sul fuggitivo Gustavo Sandrucci. Terza posizione per Andrea Gagliardini davanti a Alessio Alcuni e Lorenzo Nicoli. Nella classe lite Giorgio Amati ha piazzato la doppietta davanti al macedone Adam Sascha e a Giacomo Parisotto. La Renault Clio Cup ha visto la conferma di Cristian Ricciarini, già due volte vincitore del monomarca, davanti a Giacomo Trebbi e all’esperto ‘Due’. Nella Topjet F2000 Italian Trophy, primo al traguardo lo svizzero Sandro Zeller. Primo degli italiani Marco Minelli, schierato nella FX Italian Series, da quest’anno in partnership con la F2000, mentre il vincitore dell’assoluta è Dino Rasero quarto al traguardo, davanti a Enrico Milani e Alessandro Rosi.  Il prossimo appuntamento con gli ACI Racing Weekend è fissato tra meno di due settimane, dal 31 luglio al 2 agosto, a Misano Adriatico.

 La lunga attesa è finita e finalmente il motorsport tricolore si può mettere in moto con il primo round della stagione targato ACI Sport. Dopo un lungo e meticoloso lavoro, i vertici di ACI e di ACI Sport sono infatti riusciti a mettere a punto dei protocolli sanitari che hanno consentito il via libera da parte del Governo alle attività automobilistiche sportive in circuito, e i motori si riaccenderanno questo fine settimana sul circuito toscano del Mugello con gare sia sabato 18 che domenica 19 luglio. Un palcoscenico estremamente prestigioso, dunque, per l’atteso battesimo della stagione motoristica tricolore, considerando che l’autodromo di Scarperia quest’anno ospiterà anche il mondiale di F1. Nel primo dei 9 ACI Racing Weekend del 2020 scenderanno in pista i campionati italiani GT Endurance, TCR Italy e Sport Prototipi. Al via anche la Porsche Carrera Cup, il Mini Challenge, la Renault Clio Cup e l’F 2000 Italian Trophy.  L’appuntamento terrà a battesimo una doppia anteprima mondiale: le prime due nuove CUPRA TCR al mondo si schiereranno infatti proprio questo weekend nel contesto del TCR Italy. Il weekend di competizioni si svolgerà necessariamente a porte chiuse, come dettano le disposizioni governative, ma godrà di ampia copertura televisiva in diretta per tutte le gare in programma. 

Sarà la 18esima edizione del Campionato Italiano Gran Turismo quella che si aprirà sul saliscendi toscano con 40 piloti al via che andranno a formare 14 equipaggi delle classi GT3 e GT4, pronti a darsi battaglia nella prima delle quattro gare della serie Endurance previste nel calendario 2020. Nella classe GT3 si riproporranno le grandi sfide della scorsa stagione tra Ferrari, Mercedes, BMW, Lamborghini ed Audi, a cui si aggiungerà quest’anno Porsche grazie al ritorno di Ebimotors con la 911 GT3R. Assente il campione in carica Stefano Gai, tra i protagonisti attesi ci sono i campioni uscenti della GT3 Sprint, Alessio Rovera e Riccardo Agostini che, dalla Mercedes AMG GT3, saliranno, rispettivamente, su Ferrari 488 GT3 e Audi R8 LMS. BMW, Porsche e Mercedes AMG, invece, si contenderanno la classe GT4 con i due campioni in carica Simone Riccitelli e Sabino De Castro che affronteranno la stagione al volante di, rispettivamente,  BMW M4 GT4 e Porsche Cayman GT4. Diretta TV su Raisport della gara domenica alle ore 14,40. Folto schieramento anche per il primo round del TCR Italy Touring Car Championship, con ben 23 vetture al via. Occhi puntati sicuramente sulle due novità assolute, le nuove CUPRA Leon Competicion, le prime al mondo a schierarsi in pista. Vestite con i colori della Scuderia del Girasole by CUPRA Racing, vedranno al volante il campione in carica Salvatore Tavano e la new entry Simone Pellegrinelli. Tra i rivali della CUPRA un folto plotone di Hyundai, tra cui quelle di Mauro Guastamacchia, di Ettore Carminati e del macedone Igor Stefanovski, tutti impegnati nel doppio ruolo di team-manager, Felice Jelmini, con il team PMA Motorsport, Marco Pellegrini con Target Competition. Al via anche la Honda di BD Racing con Federico Paolino e la Opel Astra di Andrea Argenti con il South Italy Racing Team. Folta anche la compagine delle vetture con cambio DSG, che quest’anno concorrono al titolo italiano a loro dedicato. La nuova appassionante stagione del Campionato Italiano Sport Prototipi riparte da uno schieramento di 20 Wolf GB08 Thunder motorizzate Aprilia RSV4 e da ben quattro campioni italiani pronti a guidarne le fila. A partire da Giacomo e Matteo Pollini, i due cugini bresciani rispettivamente vincitori nel 2019 e 2018 e dal plurititolato Davide Uboldi, già quattro volte tricolore di categoria dopo l’alloro in F.3 nel 2000. Completa il poker Jacopo Faccioni, già Campione Italiano su Osella Honda nel 2013 ed ora al rientro in pista dopo tre anni di assenza dai campi di gara.  Anche la Porsche Carrera Cup aprirà la stagione 2020 sul tracciato toscano con ben 26 piloti iscritti, su cui spicca la presenza del campione in carica Simone Iaquinta (Team Ghinzani). Tra i candidati al titolo scenderanno in pista Alberto Cerqui (AB Racing), Gianmarco Quaresmini (Tsunami RT) e le new entry Nicola Baldan  (Dinamic Motorsport) e Giovanni Altoè (Raptor Engineering). Parte dal Mugello anche la nuova stagione del MINI Challengegiunto alla nona edizione consecutiva, il campionato monomarca scalda i motori per una nuova stagione che vedrà un manipolo piloti sfidarsi su cinque dei circuiti più importanti d’Italia al volante delle prestazionali MINI John Cooper Works, anche nella classe Lite. Al via anche il Topjet F2000 Italian Trophy; ben 37 i piloti schierati nel trofeo riservato alle ruote scoperte e giunto alla sua settima stagione. Quest’anno il challenge è abbinata non solo alla analoga serie austriaca ma anche alla FX e vede al via anche le potenti vetture Superformula. Per la prima volta nel contesto degli ACI Racing Weekend, la Clio Cup: il monomarca di casa Renault, che vede da sette anni protagoniste le veloci ed affidabili berline RS 1.6 turbo, si appresta ad affrontare sui saliscendi toscani un'edizione sicuramente ricca di novità, con uno schieramento parzialmente rinnovato e tutto da scoprire.

La Programmazione TV

Campionato Italiano Gran Turismo Endurance 

Prove ufficiali 1° turno – sabato 12.40 – Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY) più streaming su www.acisport.it

Prove ufficiali 2° turno – sabato 13.05 – Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY) più streaming su www.acisport.it

Prove ufficiali 3° turno – sabato 13.30 – Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY) più streaming su www.acisport.it

Gara – domenica 14.40 – Diretta RAI più Streaming su www.raisport.rai.it e raiplay.it + differita MS Motor TV in orario da definire

 

TCR Italy Touring Car Championship

Gara1 sabato 18.40 – Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY) più streaming su www.acisport.it

Gara 2 domenica 13.10 – Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY) più streaming su www.acisport.it

 

Campionato Italiano Sport Prototipi

Gara 1 sabato 15.05 - Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY) più streaming su www.acisport.it

Gara 2 domenica 10.40 - Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY) più streaming su www.acisport.it

 

Porsche Carrera Cup

Gara 1 sabato 16.00 - Diretta Sky Sport Arena (canale 204 di SKY)

Gara 2 domenica 9.50 - Diretta Sky Sport Arena (canale 204 di SKY)

 

MINI Challenge

Gara 1 sabato 17.45 – Streaming su piattaforme MINI + Motorsport.com + DPlay

Gara 2 domenica 12.20 - Streaming su piattaforme MINI + Motorsport.com + DPlay

 

Renault Clio Cup

Gara 1 sabato 16.55 - Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY)

Gara 2 domenica 11.30 - Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY)

 

Topjet F2000 Italian Trophy

Gara 1 sabato 14.10 - Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY)

Gara 2 domenica 9.00 - Diretta MS Motor TV (canale 228 di SKY)

Sarà il Mugello Circuit in questo fine settimana ad inaugurare i Campionati Italiani Auto. Una stagione che, finalmente, si apre regolarmente dopo le incertezze scaturite dal lungo lockdown, ma che ancora risente delle incertezze economiche e della difficoltà di trasferimento da parte di piloti stranieri. Venerdì giornata dedicata alle libere ed alle prime prove di qualifica che continueranno nella mattinata di sabato. Dal pomeriggio di sabato, invece, gare a go-go. In pista le vetture che partecipano ai seguenti campionati. Campionato Italiano Gran Turismo Endurance - TCR Italy Touring Car Championship - Campionato Italiano Sport Prototipi - Porsche Carrera Cup Italia - Mini Challenge - Renault Clio Cup Italia - TopJet F.2000 Italian Trophy.
La manifestazione come previsto dalle attuali normative governative si svolgerà a porte chiuse e quindi senza la presenza di pubblico. Per seguire in real time: https://mugellocircuit.com/it/live-timing   http://acisport.it/it/home
Dirette tv sabato e domenica su Sky e Rai

Si svolgerà sulla pista di proprietà della Ferrari domenica 13 settembre
il FORMULA 1™ PIRELLI GRAN PREMIO DELLA TOSCANA FERRARI 1000, nono appuntamento della stagione e millesimo della Scuderia nella massima categoria automobilistica

 

Per la prima volta nella sua storia l’Autodromo del Mugello ospiterà una gara valida per il FIA Formula 1 World Championship™. In un calendario della stagione rivoluzionato in segutio alla pandemia provocata dal virus COVID-19 si è creata l’opportunità per portare la massima competizione automobilistica in un autodromo all’avanguardia per gli standard di sicurezza e sostenibilità e su un tracciato tanto affascinante quanto impegnativo per piloti e vetture.

Il nome ufficiale dell’evento è un omaggio alla terra che ospiterà questo appuntamento e alla ricorrenza storica che la Scuderia Ferrari – l’unica squadra presente in tutte le 70 edizioni fin qui disputate della massima competizione automobilistica – celebrerà quel giorno. L’Autodromo del Mugello  si trova a soli 35 chilometri da Firenze, una delle città più ricche di storia e di capolavori artistici, apprezzata da milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo.

Inaugurata nel 1974 come naturale evoluzione del Circuito Stradale nato nel 1914, la pista è adagiata sulle colline della municipalità di Scarperia e San Piero a Sieve. Da tempo tra gli impianti più amati dai piloti così come da tutto il mondo del motorsport, l’Autodromo del Mugello è di proprietà della Ferrari dal 1988 ed è tra le poche piste che la FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) ha certificato con la qualifica 3-Star Level: l’impianto ha infatti superato il test ambientale definito dalla Federazione, ottenendo così un riconoscimento per l’eccellenza delle politiche di sostenibilità adottate.

Con l’assegnazione del nono appuntamento della stagione al Mugello, l’Italia torna così ad ospitare due Gran Premi di Formula 1™ per la prima volta dal 2006. Quell’anno erano in calendario sia il tradizionale Gran Premio d’Italia a Monza, sia l’ultima edizione fin qui disputata del Gran Premio di San Marino, che si teneva all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola: entrambe le gare furono vinte da Michael Schumacher, alla sua ultima stagione come pilota della Scuderia Ferrari.

 

Mattia Binotto Managing Director e Team Principal Scuderia Ferrari Mission Winnow

 

“Poter festeggiare un anniversario straordinario come quello dei mille Gran Premi della Scuderia Ferrari proprio a casa nostra al Mugello è un’opportunità incredibile. L’Autodromo del Mugello non è solamente uno dei tracciati più affascinanti e sfidanti per i piloti e le monoposto ma è anche un’impianto che ha fatto della sostenibilità una sua priorità, un impegno che lo ha portato a raggiungere liivelli di eccellenza in Italia e nel mondo.
A rendere questa possibilità una realtà hanno contribuito diversi protagonisti, cui va il nostro ringraziamento. Innanzitutto Chase Carey, Chairman e CEO di Formula 1, che conosce e apprezza il valore che la nostra squadra rappresenta per questo sport, tanto da riconoscere l’anniversario nel nome ufficiale dell’evento.
Poi ci sono due partner fondamentali per il raggiungimento di questo obiettivo. Innanzitutto il territorio che ci ospiterà, la Regione Toscana – una delle più belle del nostro Paese, ricca di tesori artistici e di paesaggi mozzafiato, e poi la città di Firenze, un gioiello unico al mondo per le sue bellezze architettoniche e i capolavori che vi si possono ammirare.
Per me personalmente, il Mugello è legato ai ricordi di tante giornate di test passate insieme alla squadra per cercare di migliorare la monoposto, talvolta sognando di sfidare proprio lì i nostri avversari: pensare che oggi stiamo per vivere su quel tracciato un evento come un Gran Premio – perdipiù il millesimo della nostra storia in Formula 1 – è un’emozione bellissima e non vedo l’ora che quello che allora era un sogno si avveri il prossimo 13 settembre.”

 

Chase Carey Presidente e CEO, Formula 1™

 

“Siamo lieti di dare il benvenuto al Mugello nel calendario di Formula 1 del 2020. Voglio ringraziare il promoter per il duro lavoro svolto al fine di realizzare questo evento. So che tutti i nostri fans sono entusiasti all’idea di assistere ad una corsa su questo fantastico circuito e per tutti i tifosi della Ferrari sarà un piacere poter celebrare così i 1000 Gran Premi della Scuderia”

 

Enrico Rossi Presidente Regione Toscana

 

“La Regione Toscana è molto felice di sostenere il millesimo GP della Ferrari, una data storica per le quattro ruote. Siamo certi del fatto che contribuendo a questa importantissima tappa sportiva di rilevanza planetaria, promuovendola al meglio con i nostri canali, daremo lustro al Mugello e alla Toscana. Daremo così una scossa benefica ai nostri territori dopo un periodo davvero difficile. Ci riempie d’orgoglio poter dire che questo sarà il Gran Premio della Toscana.”

 

Dario Nardella Sindaco della Città Metropolitana di Firenze

 

“La Formula 1 al Mugello, nella Città Metropolitana di Firenze, è un traguardo storico mai raggiunto prima e inseguito per anni. Il fatto che arrivi proprio ora, in un momento di difficoltà per il nostro territorio fiorentino, è ancora più significativo e rappresenterà un trampolino per far ripartire il turismo e l’economia. Se poi aggiungiamo la ricorrenza del millesimo Gran Premio della Ferrari allora possiamo davvero pensare a un evento che resterà per sempre nella storia dello sport italiano e di Firenze.
Ringrazio gli organizzatori di Formula 1, la Ferrari, il Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, l’ex ministro dello sport Luca Lotti, il Presidente Enrico Rossi, i colleghi sindaci del Mugello, l’Unione dei Comuni Mugello e tutti coloro che si sono adoperati per portare nel nostro territorio questo evento. La città metropolitana di Firenze che rappresento avrà un ruolo attivo accanto alla Regione Toscana.”

 

Paolo Poli Amministratore Delegato Mugello Circuit SpA

 

“Siamo felici ed orgogliosi di aver finalmente raggiunto un risultato perseguito da ormai molto tempo con la massima determinazione: dopo 106 anni dalla prima gara disputata sul Circuito Stradale, il Mugello riesce ad ospitare il suo primo Gran Premio di Formula 1.
Affronteremo questo storico evento contando su un tracciato unico al mondo e sulla forza delle nostre migliori professionalità. Il mio ringraziamento va oggi a tutte quelle donne e uomini che, nel corso di una storia ultracentenaria, con la loro passione e l’amore per le corse, ci hanno consentito di raggiungere l’ambizioso traguardo di rappresentare al più alto livello il nostro Paese e il nostro territorio nell’automobilismo sportivo”

 

Autodromo del Mugello: sostenibilità ambientale al primo posto

L’Autodromo del Mugello da anni ha messo la sostenibilità ambientale in cima alle priorità, fino al punto di essere stato il primo impianto al mondo ad aver ricevuto la certificazione FIA “Achievement of Excellence” per le prestazioni legate al rispetto dell’ambiente, il più alto nella scala di livelli creata dalla Federazione Internazionale dell’Automobile. Per raggiungere questo standard, gli autodromi devono dimostrare un impegno reale nella gestione ambientale, la cui performance è misurata e monitorata al pari dell’impatto nell’ambiente circostante da parte delle sue attività, parametro che, in egual misura, viene costantemente identificato e quantificato. L’eccellenza nella sostenibilità dell’impianto è testimoniata dalle certificazioni ISO14001 ed EMAS (Eco-Management and Audit Scherme) nonché dal riconoscimento di osservatori indipendenti come il report “Playing for our Planet”, prodotto da UEFA, WWF e Green Sport Alliance.

Del resto, fin dal 2013, al Mugello sono stati implementati programmi incentrati sulla sostenibilità, come ad esempio “KISS Mugello”, che trova la sua massima espressione verso la fine della primavera di ogni anno, quando l’impianto è teatro del Gran Premio d’Italia di MotoGP™. KISS è l’acronimo di Keep it Shiny and Sustainable: il programma intende sensibilizzare gli spettatori sull’importanza di adottare comportamenti adeguati durante i grandi eventi sportivi, facendo leva sulla passione per il motorsport per far crescere quella per la sostenibilità.

Uno degli obiettivi è la riduzione dell’impatto ambientale dell’evento, con iniziative quali la raccolta differenziata e il riciclo dei rifiuti, secondo principi di economia circolare; la raccolta delle pile esaurite, degli oli alimentari esausti e degli oli lubrificanti usati. Lo scorso anno il 39% dei rifiuti prodotti in autodromo sono stati gestiti tramite la raccolta differenziata, 40 tonnellate su 101.

La copertura della tribuna principale dell’Autodromo del Mugello offre ospitalità a un pannello fotovoltaico da 252 KWp che garantisce fino al 20% del fabbisogno energetico dell’impianto, mentre il rivestimento della gradinata è realizzato in materiale ceramico eco-attivo che permette di degradare gli inquinanti più comuni diffusi nell’aria. L’autodromo è inoltre un polmone verde di indubbia rilevanza dal momento che si estende su oltre 170 ettari dei quali 120 sono adibiti a verde o piantumati.

Doppiette, arrivi in volata e grandi emozioni nelle gare domenicali del Round 1 ELF CIV 2020 al Mugello, a cominciare dal bis concesso in Moto3 da Kevin Zannoni. Prova di forza del pilota Junior Team Total Gresini in una gara infuocata, dove in quattro si sono dati battaglia per tutti i 14 giri con sorpassi e controsorpassi. Nelle ultime tornate però Zannoni ha dato il meglio di sè, riuscendo a distanziare i suoi inseguitori quel tanto che bastava per portarsi a casa una grande doppietta. Dietro di lui durissima la battaglia per la seconda posizione, con Perez Selfa (TM), pilota del Team di Davide Giugliano ancora secondo e con Alberto Surra (Minimoto KTM) a chiudere il podio seguito in volata da Elia Bartolini (RMU VR46 Riders Academy KTM). In classifica generale Zannoni è leader con 50 p. seguito da Perez Selfa a 40 e Bartolini a 29. Pirro torna a ruggire in SBK. Dopo la caduta di ieri il pluricampione italiano ha risposto come meglio non poteva in pista, in un gara che ha visto Lorenzo Savadori provare ancora a scappare fin dall’inizio. La Ducati Barni Racing di Pirro è rimasta però incollata all’Aprilia Nuova M2 di Savadori, fino al momento in cui Pirro ha sferrato l’attacco decisivo passando Savadori e andando a vincere. Con Savadori che ha provato fino alla fine a rimanere in scia al Tester Ducati. Conferma per Samuele Cavalieri, che conquista anche oggi il podio, dimostrando ancora la sua crescita. In classifica generale Savadori si consola con la leadership di campionato a 45 p. seguito da Cavalieri a 36 p. con Zanetti a 26 p. terzo. Giornata dolceamara per Pirro e la Ducati, a causa della scomparsa della moglie di Davide Tardozzi, alla quale un commosso Michele Pirro ha dedicato la vittoria. Doppietta per Luca Bernardi in SS600. L’alfiere Yamaha Gomma Racing è riuscito anche in gara 2 ad avere la meglio sui propri avversari, ancora al fotofinish, davanti alla MV Agusta del team Extreme Racing Bardahl di Davide Stirpe. Weekend perfetto per Bernardi che ottiene pole e due primi posti. Terzo gradino del podio per il pluricampione della categoria, Massimo Roccoli (Team Rosso Corsa Yamaha). Andrea Locatelli, leader del Mondiale SS600, è stato ancora una volta il primo a tagliare il traguardo, pilota presente in gara all’ ELF CIV come fuori classifica. Nella generale Bernardi è a 50 p. con Stirpe a 36 p. e Roccoli a 29 p. Gran bagarre in Premoto3, con un arrivo in volata che ha coinvolto quattro piloti e che ha premiato il guizzo di Edoardo Liguori (Pasini Racing RMU) davanti al poleman Riccardo Trolese (M&M Technical team) e Cristian Lolli, con Edoardo Colombi in quarta posizione. In classifica generale Liguori è leader con 34 p. Seguito da Trolese con 31 p. e Lolli a 29 p. Emozioni in SS300. Una delle categorie entry level dell’ELF CIV ha visto un arrivo in volata con ben 6 piloti coinvolti nella battaglia. A spuntarla alla fine è stato Nicola Settimo (Prodina Ircos Kawasaki) seguito dall’ex Campione della categoria Manuel Bastianelli (CM Racing Kawasaki) con il poleman Matteo Vannucci (Team Cast 16 Corse Yamaha) a chiudere il podio. Dietro di loro, a brevissima distanza sono arrivati Carnevali (Extreme Racing Service Kawasaki), Marino e Vocino (GradaraCorse PZracing Kawasaki). In classifica generale conduce Settimo con 38 p. seguito da Bastianelli 36 p. e Bernabè con 25 p. Il Round 2 ELF CIV 2020 è in programma per il weekend del 25-26 luglio dal Misano World Circuit.

Colpi di scena, arrivi in volata e domini assoluti. Lo spettacolo non è mancato in quelle che sono state le prime - tanto attese - gare ELF CIV 2020. Tutto per un round 1 che si tiene a porte chiuse, con l’accesso dei soli addetti ai lavori nel rispetto delle normative governative di contrasto alla diffusione del Covid-19 nonché delle linee guida FMI .

La Moto3 ha mostrato uno straordinario Kevin Zannoni. L’alfiere Gresini Junior Team Honda, dopo aver ottenuto una pole da record migliorando il precedente riferimento sul giro in prova, ha fatto il vuoto dietro di se in gara, andando a vincere con oltre 8 secondi di distacco sul primo dei suoi inseguitori. E riuscendo a battere anche il giro record della categoria in gara con il tempo di 1’57.860. Dietro Zannoni battaglia fino all’ultimo centimetro di pista per le altre posizioni del podio, con il secondo gradino che è andato allo spagnolo Perez Selfa sulla TM del team di Davide Giugliano con Elia Bartolini (RMU VR46 Riders Academy) a chiudere il podio. Quarta posizione per Nicola Carraro seguito a strettissimo giro da Alberto Surra (Team Minimoto). Trionfo per Lorenzo Savadori in SBK. Il pilota Aprilia Nuova M2 Racing è riuscito a mettere in pratica una strategia perfetta. Scattato dalla seconda casella ha preso subito la testa della gara, con Michele Pirro a tallonarlo sin dall’inizio. A metà gara però il colpo di scena, la caduta di Michele Pirro, che aveva appena passato Savadori. Da quel punto in poi Savadori ha mantenuto il suo ritmo, insostenibile per i propri avversari, andando a cogliere la prima vittoria di questo ELF CIV SBK 2020 con oltre 5 secondi di distacco sul primo degli avversari. Sorride a metà il Barni Racing Team, perché la seconda posizione è tutta per Samuele Cavalieri. Terzo gradino del podio per Lorenzo Zanetti (Ducati Broncos), bravo ad avere la meglio sulla Honda Althea dell’esordiente Lorenzo Gabellini. Prima gioia in SS600 per Luca Bernardi. Il giovane pilota Yamaha Gomma Racing è riuscito a trionfare in una bagarre agguerritissima, andando a conquistare la sua prima vittoria nella categoria. Dietro di lui, la volata ha premiato Roberto Mercandelli (Honda Scuderia Improve Firenze Motor) con la terza posizione per la MV del team Extreme Racing Bardhal di Davide Stirpe. Quarta posizione per Massimo Roccoli, distante solo 16 millesimi dal Campione SS600 2017. Andrea Locatelli (Yamaha Bardahl Evan Bros), leader del Mondiale 600, è stato il primo a passare sotto la bandiera a scacchi. Pilota che in quanto wild card in termini di regolamento non ottiene punti e non compare in classifica. Grande battaglia fino al fotofinish nella Premoto3. L’entry class ELF CIV, con una griglia foltissima con oltre 30 piloti provenienti dal Campionato Italiano Minimoto e dal CIV Junior, ha visto la vittoria finale di Edoardo Boggio (CS AC Racing Team) che partito 15° è riuscito ad avere la meglio su Guido Pini e Cristian Basso. A brevissima distanza da loro hanno chiuso Cristian Lolli (M&M Technical team) e il poleman Riccardo Trolese. Dominio assoluto di Nicola Benabè in SS300. Il pilota Kawasaki Pedercini ha imposto un ritmo insostenibile ai suoi avversari, tagliando il traguardo con oltre 8 secondi di vantaggio sui suoi inseguitori. Dietro di lui la SS300 ha messo in mostra la consueta bagarre, con un arrivo al fotofinish che premiato il guizzo di Miguel Perez (Prodina Ircos Team), con l’ex campione ELF CIV della categoria, Manuel Bastianelli (CM Racing), a chiudere il podio.

TV – Il round 1 ELF CIV 2020 dal Mugello sarà visibile in diretta su Sky Sport MotoGP, sulla pagina facebook Campionato Italiano Velocità e in live streaming sui siti Motosprint, Eleven Sport e civ.tv. Le gare inizieranno domenica alle 13.

 

 

 

Il conto alla rovescia sta per finire. L’ELF CIV è pronto a tornare in pista. Nel weekend il Mugello ospiterà il primo round della nuova stagione del Campionato Italiano Velocità, per quello che sarà uno dei primi fine settimana di gare motociclistiche in pista a livello Europeo in questo 2020. Tanti i nomi da tenere d’occhio, ben distribuiti nelle 5 categorie ELF CIV. Ad impreziosire il weekend di doppie gare del round 1 la presenza di importanti wild card come il leader del Mondiale SS600: Andrea Locatelli. Ampia la visibilità delle tante gare del fine settimana, con dirette su Sky Sport MotoGP, sulla pagina Facebook Campionato Italiano Velocità e live streaming sul sito Motosprint, Eleven Sport e civ.tv. Tutto per un round 1 del Campionato a porte chiuse (aperto ai soli addetti ai lavori), nel pieno rispetto delle normative governative di contrasto alla diffusione del Covid-19 nonché delle linee guida FMI

In pista non mancherà lo spettacolo, a cominciare da una SBK piena di talento, che ripartirà dal Campione in carica, il dominatore delle ultime stagioni: Michele Pirro (Ducati Barni Racing). A contendere il titolo al tester Ducati ci sarà ancora Lorenzo Savadori (Aprilia Nuova M2 Racing), per una sfida nella sfida tra i due tester, con Savadori impegnato oltre al CIV, anche nello sviluppo dell’Aprilia. Pronti ad inserirsi nella battaglia per il titolo anche i tanti protagonisti della categoria come Lorenzo Zanetti (Ducati Broncos Racing Team), Samuele Cavalieri (Ducati Barni Racing), Matteo Baiocco (Ducati ZPM Racing), Kevin Calia (Suzuki Penta Motorsport), Luca Vitali (BMW Cherry Box 24 Guandalini Racing) e Andrea Mantovani (BMW Tutapista Corse). Grande attesa per due giovani esordienti nella SBK ELF CIV: il Campione in carica SS600 Lorenzo Gabellini, in sella alla Honda del prestigioso team Althea Racing, e Alessandro Delbianco con la BMW del DMR Racing. Da non dimenticare poi il ritorno di Eddi La Marra (Aprilia Nuova M2 Racing). 
La Moto3 ripartirà dal marchio di fabbrica degli ultimi anni: team “mondiali” e tanti giovani. In pista spazio al duello tra Kevin Zannoni (Honda Junior Team Total Gresini) e Alberto Surra (KTM Team Minimoto), con un buon numero di talenti pronti ad inserirsi nella lotta al titolo, nomi come Omar Bonoli (Honda Oscar Team) ed il duo Alessandro Morosi-Nicola Fabio Carraro, entrambi con le TM del team di Davide Giugliano. Attenzione poi per i due esordienti che si sono contesi il titolo nella Premoto3 2019: Luca Lunetta (KTM AC Racing Team) e Filippo Bianchi (TM Pos Corse), con Lunetta che sarà impegnato anche nella Red Bull Rookies Cup. Tutto in una categoria dove esordirà il motore Yamaha 450 fornito da Geo Technology S.A.
Nella SS600a contendersi il titolo di Lorenzo Gabellini, passato alla SBK, ci saranno piloti come Massimo Roccoli (Yamaha Rosso Corsa) e Davide Stirpe (MV Extreme Racing Bardhal), seguiti da protagonisti quali Marco Bussolotti (Yamaha), Kevin Manfredi (MV CM Racing), Stefano Valtulini (Kawasaki Black Flag Motorsport), Luca Bernardi (Yamaha Gomma Racing). Da segnalare anche il rientro all’ELF CIV di Alessandro Nocco (Kawasaki Renzi Corse). Una SS600 dove correrà come wild card anche Andrea Locatelli (Yamaha Bardahl Evan Bros. WorldSSP Team). 
Numerosa come mai negli ultimi anni la griglia di partenza della Premoto3con ben 32 giovanissimi piloti al via. Non mancheranno i volti nuovi, tutti da scoprire all’ELF CIV ma perlopiù provenienti dalla filiera della velocità FMI composta da Scuola Federale Velocità, Campionato Italiano Minimoto e CIV Junior. Un percorso che continua a far crescere piloti da portare nelle categorie superiori. Tra i quali non mancano giovani vittoriosi nelle scorse edizioni dell’Europeo Minimoto e MiniGP. Da segnalare poi la presenza di Arianna Barale con il Team Pos Corse. 
La SS300, una delle categorie più combattute del Campionato, vedrà ancora una griglia ben nutrita con oltre 30 piloti al via. A lottare per il titolo di Thomas Brianti ci saranno, tra gli altri, protagonisti come Emanuele Vocino (Kawasaki Gradara Corse PZ Racing), Giacomo Mora (Junior Team AG Yamaha Pata), Marco Carusi (Kawasaki CH4 Racing Team) insieme al rientro del Campione 2018: Manuel Bastianelli (Kawasaki CM Racing). Curiosità per Diego Palladino (Yamaha), il pilota del Team Roc’n’Dea di Roccoli e De Angelis.

TV – Il round 1 ELF CIV 2020 dal Mugello sarà visibile in diretta su Sky Sport MotoGP, sulla pagina facebook Campionato Italiano Velocità e in live streaming sui siti Motosprint, Eleven Sport e civ.tv. Le gare inizieranno sabato alle 13.25 e domenica alle 13.

Motosprint Pole position – Le pole position ELF CIV saranno “targate” Motosprint. I poleman di ogni round ELF CIV riceveranno infatti il premio Motosprint Pole Position, con i giornalisti della rivista a premiare i piloti più veloci. Pole position che saranno quindi titolate Motosprint, con l’aggiunta di un nuovo appuntamento fisso. Subito dopo le premiazioni infatti, sulla pagina facebook del settimanale ci saranno interviste live con i poleman, condotte dagli inviati in circuito

Inizia il conto alla rovescia. Manca meno di una settimana al via dell'Elf Civ 202 per quella che sarà una delle prime gare motociclistiche in pista a livello Europeo. La nuova stagione partirà il 4 e 5 luglio dal Mugello e nell’attesa di accendere i motori ecco le entry list del Campionato in tutte le classi, per un totale di circa 140 piloti iscritti fino ad oggi.

 SBK – Griglia 2020 ricca di talento come mai negli ultimi anni. A contendere la corona al pluricampione Michele Pirro (Ducati Barni Racing) ci sarà ancora Lorenzo Savadori (Aprilia Nuova M2 Racing) insieme a tanti protagonisti della categoria come Lorenzo Zanetti (Ducati Broncos Racing Team), Samuele Cavalieri (Ducati Barni Racing), Matteo Baiocco (Ducati ZPM Racing), Kevin Calia (Suzuki Penta Motorsport), Luca Vitali (BMW Cherry Box 24 Guandalini Racing) e Andrea Mantovani (BMW Tutapista Corse). Grande attenzione per due giovani esordienti nella SBK ELF CIV: il Campione in carica SS600 Lorenzo Gabellini che porterà in pista la Honda del prestigioso team Althea Racing e Alessandro Delbianco con la BMW del DMR Racing. Da segnalare poi il ritorno di Eddi La Marra (Aprilia Nuova M2 Racing).  MOTO3 – Ancora Team “mondiali” e tanti giovani in Moto3. Si ripartirà da Kevin Zannoni (Honda Junior Team Total Gresini) e da Alberto Surra (KTM Team Minimoto), con numerosi talenti pronti ad inserirsi nella lotta al titolo, nomi come Omar Bonoli (Honda Oscar Team) ed il duo Alessandro Morosi-Nicola Fabio Carraro, entrambi con le TM del team di Davide Giugliano. Curiosità poi per vedere all’opera i due esordienti che si sono contesi il titolo nella Premoto3 2019: Luca Lunetta (KTM AC Racing Team) e Filippo Bianchi (TM Pos Corse), con Lunetta che sarà impegnato anche nella Red Bull Rookies Cup. Tutto in una categoria dove esordirà il motore Yamaha 450 fornito da Geo Technology S.A.  SS600 – A lottare per il titolo di Lorenzo Gabellini, passato alla SBK, ci saranno nomi come Massimo Roccoli (Yamaha Rosso Corsa) e Davide Stirpe (MV Extreme Racing Bardhal), seguiti da protagonisti quali Marco Bussolotti (Yamaha), Kevin Manfredi (MV CM Racing), Stefano Valtulini (Kawasaki Black Flag Motorsport), Luca Bernardi (Yamaha Gomma Racing). Da segnalare anche il rientro all’ELF CIV di Alessandro Nocco (Kawasaki Renzi Corse).  Premoto3 – Affollatissima la griglia dei giovanissimi talenti, con ben 35 piloti. Tanti volti nuovi, tutti da scoprire all’ELF CIV ma quasi tutti provenienti da quella filiera della velocità FMI composta da Scuola Federale Velocità, Campionato Italiano Minimoto e CIV Junior. Un percorso che, a giudicare dai numeri, funziona al meglio, continuando a far crescere piloti da portare nelle categorie superiori. Molti dei quali vittoriosi nelle scorse edizioni dell’Europeo Minimoto e MiniGP. Da segnalare poi la presenza di Arianna Barale con il Team Pos Corse.  SS300 – Numeri alti di presenze anche in SS300, con 33 piloti al via per quella che è una delle categorie più combattute dell’ELF CIV, dove bagarre e arrivi in volata sono la regola. A contendersi il titolo di Thomas Brianti ci saranno, tra gli altri, protagonisti come Emanuele Vocino (Kawasaki Gradara Corse PZ Racing), Giacomo Mora (Junior Team AG Yamaha Pata), Marco Carusi (Kawasaki CH4 Racing Team) insieme al rientro del Campione 2018: Manuel Bastianelli (Kawasaki CM Racing).
Lista completa http://www.civ.tv/tipologia-documento/elenchi/